sabato 26 gennaio 2013

Con l'iPad non sei un videoterminalista

La normativa sui videoterminalisti non si applica per gli iPad


In un recente intervento di formazione ho avuto una interessante provocazione dalla platea affrontando l'argomento dei videoterminalisti.
Un corsista mi ha chiesto se gli obblighi del Datore di Lavoro relativi alle postazioni munite di videoteminali e ai videoterminalisti fossero applicabili anche per gli utilizzatori di tablet - i famosi iPad.

Pensandoci ho voluto consultare la fonte, il Decreto Legislativo n. 81 del 2008 che dice all'articolo 172  comma 2 lettera e)

Le norme del [..] [ Titolo VII - Attrezzature munite di videoterminali] non si applicano ai lavoratori addetti [..] alle macchine di videoscrittura senza schermo separato.

...senza schermo separato.
Separato da cosa? Dalla tastiera!?!
Direi proprio di SI.

Quindi reputo difendibile l'affermazione che un iPad avendo schermo e tastiera solidali ovvero non separati rientri nella casistica narrata dal precedente articolo e quindi chi utilizza un iPad [..] in modo sistematico o abituale, per venti ore settimanali, dedotte le interruzioni [..] non deve essere considerato un videoterminalista come da articolo 173 comma 1 lettera c) del D.Lgs. 81/2008.

Va da sè che quanto affermato non incide sugli obblighi del Datore di Lavoro di garantire livelli adeguati di sicurezza per il citato lavoratore videoterminalista.


sabato 19 gennaio 2013

Un ringraziamento alla Commissione morti bianche

Il ringraziamento per il lavoro puntuale e qualificato svolto dalla Commissione morti bianche


Con la fine della 16a legislatura anche la Commissione morti bianche decade e interrompe la propria attività.

Ho seguito con attenzione i lavori della Commissione attraverso il sito del Senato e mi sento di affermare che la Commissione ha lavorato e ha lavorato bene.

Nei 5 anni di durata della legislatura sono state eseguite
- 113 audizioni ovvero incontri con membri delle istituzioni, delle parti sociali, del mondo del lavoro, della società civile;
- 22 missioni svolte presso enti locali – consigli regionali, consigli comunali – o sedi decentrate delle istituzioni – prefetture;
- 118 sedute nei quasi 5 anni di durata della commissione.

Soprattutto ho notato e apprezzato proposte di spessore e puntuali unite a denunce circostanziate e non di maniera.

Sono soddisfatto per il volume e lo spessore del lavoro svolto da rappresentanti delle istituzioni. Sono contento come operatore della sicurezza e come cittadino che esige e cerca istituzioni credibili.

mercoledì 2 gennaio 2013

La Commissione morti bianche incontra il Ministro Fornero - 2

Lo status di Agenzia autonoma per il Comitato per l'indirizzo e la valutazione delle politiche attive e per il coordinamento nazionale delle attività di vigilanza


Un altro spunto dalla seduta n. 117 di mercoledì 19 dicembre 2012 della Commissione morti bianche che sappiamo ha incontrato il ministro Elsa Fornero prima della relazione conclusiva dell'attività svolta a seguito della scadenza del mandato.

Come notiamo dal resoconto sommario il ministro Fornero afferma

[..] Rispetto a questo assetto istituzionale ormai pienamente operante, il ministro Fornero ha ricordato che la Commissione [per gli interpelli] ha promosso un disegno di legge (Atto Senato n. 3587) con il quale si intende rafforzare il ruolo e le prerogative del Comitato per l'indirizzo e la valutazione delle politiche attive e per il coordinamento nazionale delle attività di vigilanza, attribuendo ad esso lo status di Agenzia autonoma. [..]

Apprendiamo che esiste un disegno di legge che tenta di rafforzare il coordinamento nazionale delle attività di vigilanza evidentemente deficitario.

Anzi si propone lo status di Agenzia autonoma per il Comitato per l'indirizzo e la valutazione delle politiche attive e per il coordinamento nazionale delle attività di vigilanza.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...