giovedì 22 dicembre 2011

La funzione sociale della vigilanza

Un brano dell'intervista del Corriere al ministro Elsa Fornero di domenica 18 dicembre 2011.

[..] Ha avuto tempo di occuparsi anche della sicurezza sul lavoro? In Italia ci sono ancora troppe morti bianche? 

Non ci può essere tolleranza soprattutto in una fase di crisi dove magari qualcuno può pensare che é meglio un lavoro anche non sicuro che niente.
Agli ispettori del ministero ho detto che devono andare nelle imprese come amici e collaboratori ma anche con intransigenza piena. [..]

Apprezzo il ministro che evidenzia la funzione sociale della vigilanza soprattutto in momento di crisi come l'attuale, dove molti non sanno, o non possono, resistere al ricatto: o lavoro o sicurezza.

Non concordo col doversi presentare come amici o collaboratori anche se intransigenti.
L'amico comprende, sostiene e aiuta: cosa che non credo debba fare la vigilanza.
Il collaboratore aiuta in un impresa o a costruire qualcosa: cosa che non credo debba fare la vigilanza.

La vigilanza deve... vigilare: senza accanimento, senza persecuzioni, con professionalità, con competenza.
Ma deve vigilare.
Non dare buoni consigli o peggio ancora fare consulenza.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...