lunedì 21 novembre 2011

Interviste ad Aiesil - 2



Dopo Raffaella Malvestuto proseguiamo con Giampiero Cafaro del CRA Campania.

A. Un'impressione sugli operatori della sicurezza in Italia.
Vedi punti forza e/o elementi critici su cui intervenire riguardo alle figure di RSPP, RLS, Medico Competente, Coordinatori in Edilizia ecc.?
Si parla molto di sicurezza sul lavoro e dei relativi adempimenti normativi a cui le imprese sono soggette, spesso però, si ignorano gli attori che hanno, a vario titolo, quei ruoli fondamentali ai fini della prevenzione dai rischi.

Il tipico organigramma della sicurezza spesso, specie nelle piccole imprese, è solo un’utopia e viene formalmente organizzato solo al fine di ottemperare ad un obbligo di legge.
 
Ad esempio, in riferimento alle piccole imprese, che rappresentano gran parte della forza lavoro nazionale, il più delle volte il ruolo del RSPP (figura principale) viene svolto dallo stesso datore di lavoro, il quale tra i numerosi impegni lavorativi è “costretto” a trascurare l’aspetto della prevenzione.
A questo si aggiunge una normativa non del tutto completa che ad oggi non prevede alcun obbligo di aggiornamento della formazione per gli RSPP_Datori di Lavoro (tra cui i tanti che hanno assunto l’incarico nei primi anni della 626/94).

Eppure di cose ne sono cambiate ……………. Dal 2008 si è in attesa dell’Accordo Stato-Regioni-Provincie Autonome di cui al D.Lgs. 81/08 che dovrebbe risolvere tale carenza.
D’altro canto nelle medie e grandi imprese ove il ruolo del RSPP è affidato ad esperti di sicurezza sul lavoro e/o vi è un servizio di prevenzione e protezione interno, si pone una maggiore attenzione nei confronti della tutela dei lavoratori grazie ad una migliore organizzazione e rispetto dei ruoli, nonché alla competenza degli RSPP, veri e propri precursori della tutela dei lavoratori.

Per quanto concerne la figura del RLS, è spesso un ruolo che non trova la giusta collocazione: alcuni sono convinti che sia una figura sindacale vera e propria (medie e grandi imprese), altri credono sia meglio non “rappresentarla” onde evitare malumori con il proprio datore di lavoro (piccole imprese). 

Altra figura fondamentale ai fini della tutela dei lavoratori, è rappresentata dal Medico Competente, il quale non sempre si trova nella condizione di poter operare nel pieno rispetto normativo.
Infatti, mentre nelle medie e grandi imprese, il medico ricopre il “suo ruolo”, in quelle piccole non sempre è così, in quanto al datore di lavoro basta avere l’idoneità del lavoratore alla mansione, richiestagli in sede di controllo dagli organi di vigilanza, dando dimostrazione di non avere la minima idea di ciò che si intende per prevenzione.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...