mercoledì 6 aprile 2011

Laurea in Tecniche della Prevenzione

Do sempre un'occhiata ai CV che mi arrivano.
Recentemente ne ho ricevuto uno di un candidato che ha conseguito il titolo di Tecnico della prevenzione negli ambienti di vita e nei luoghi di lavoro e che mi illustra esami sostenuti e tesi discussa.

Incuriosito, leggo gli esami del piano di studi: 

Scienze tecnologie alimentari
Botanica ambientale e applicata
Ispezione degli alimenti di origine animale
Igiene generale e applicata
Scienze tecniche mediche applicate
Sistemi per l'energia e l'ambiente
Fisica tecnica industriale
Fisica tecnica ambientale
Impianti chimici
Campi elettromagnetici
Farmacologia ..?
Patologia clinica ..??
Patologia generale ..???
Anatomia patologica ..????
Scienze tecniche mediche applicate ...ancora!?!
Discipline demoetnoantropologiche ...uuuuuuuh!
Sociologia dell'ambiente e del territorio ...un pizzico di sociologia 

Pedagogia generale e sociale :-(
Didattica e pedagogia speciale :-(
Psicologia speciale ...speciale?
Psicologia dello sviluppo e psicologia dell'educazione ...per il lavoro minorile?
Medicina del lavoro ...finalmente
Igiene generale e applicata ...forse ci siamo
Scienze tecniche mediche e applicate ...e 3

Sono rimasto di sasso.

A parte il numero degli esami che mi sembra leggermente corposo per un corso di laurea di 3 anni.
A parte la consistenza di alcune materie - Anatomia patologica, Patologi generale - che mi sembra leggermente corposa per un corso di laurea di 3 anni.
A parte la pertinenza di alcune materie - Discipline demoetnoantropologiche, Sociologia dell'ambiente e del territorio, Pedagogia generale e sociale, Didattica e pedagogia speciale - che non afferro.

Ma sopratutto non vedo riferimenti alla norma principe del sistema prevenzionale.
Il Testo Unico sulla sicurezza - D.Lgs. 81/08.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...